Author: CLAUDIO ZUCCALA (page 1 of 8)

Radio Vaticana: I Padri Bianchi e i 150 anni dalla loro fondazione

La giornalista e conduttrice radiofonica Antonella Palermo intervista padre Claudio Zuccala. La chiacchierata tocca vari punti: il fondatore dei padri bianchi; cambiamenti in Africa in questi 150 anni, un progetto particolare da raccontare, la figura di padre Chessel, uno dei beati martiri d’Algeria e la presenza annunciata del Papa negli Emirati Arabi

Per ascoltare il podcast:

https://www.vaticannews.va/it/podcast/rvi-programmi/papa-ieri-e-oggi/i-padri-bianchi-e-i-loro-150-anni-dalla-fondazione.html#play

 

Continue reading

Martiri di Algeria: diretta della Messa di beatificazione e il film ‘Uomini di Dio’

Due giorni fa TV2000 (CANALE 28, SKY CANALE 146, TIVÙSAT 18) ha emesso un comunicato stampa in cui diceva che l’emittente trasmetterà oggi, a partire dalle ore 12.15,  uno speciale per  la messa di beatificazione dei 19 cristiani uccisi in Algeria tra il 1994 e il 1996.

Per maggiori informazioni:

https://www.tv2000.it/ufficiostampa/2018/12/06/martiri-di-algeria-diretta-della-messa-di-beatificazione-e-il-film-uomini-di-dio/

 

Beatificazione in Algeria in diretta streaming

Il giorno 8 dicembre, festa dell’Immacolata e degli Istituti dei Padri Bianchi e delle Suore Bianche, in occasione della beatificazione dei Martiri di Algeria, la rete televisiva francese cattolica KTO ( http://www.ktotv.com/) trasmetterà dal vivo, in streaming, la cerimonia. La diretta inizierà alle 13; seguirà alle 15 il  film documentario Témoins du plus grand amour di cui si possono vedere i provini a questo link: https://www.netforgod.tv/it/accoglienza/nostri-films/5bf67c503965883d135e5a8d/%E2%80%9Cwitnesses-to-the-great-love%E2%80%9D

Segnalo anche un’interessante documentario mandato in onda l’anno scorso dalla stessa rete dal titolo Chrétiens d’Algérie- sur les chemins de la rencontre che si può vedere sul canale Youtube a questo indirizzo:

https://www.youtube.com/watch?v=XvaIjNh8w9o&feature=player_embedded

Uomini e donne di Dio

I quattro Padri Bianchi uccisi a Tizi Ouzou nel 1994

L’ otto dicembre, festa dell’Immacolata e tradizionalmente festa dell’Istituto dei Missionari d’Africa e delle Suore Bianche , nella cattedrale di Orano (Algeria), 19 religiosi cattolici – suore, consacrati, monaci, un Vescovo -, verranno proclamati Beati (la prima beatificazione cattolica in un Paese a maggioranza musulmana).

Tra essi quattro Padri Bianchi, (i francesi Jean Chevillard, Alain Dieulangard  Christian Chessel e il belga Charles Deckers) assassinati il 27 dicembre 1994 a Tizi Ouzou dal GIA (gruppo armato islamico) nel cuore della Cabilia, dove sorgeva da tempo la loro comunità.

Perché il passato rimanga memoria, il gruppo missionario decanale organizza per venerdì 7, alle 20.30, nel salone parrocchiale della chiesa di San Pietro, la proiezione del film Uomini di Dio che racconta la vicenda dei più conosciuti di questi martiri, i sette monaci di Thiberine.

Introdurrà la serata padre Claudio dei Padri Banchi che è stato compagno di studi di padre Chessel, morto a soli 36 anni

Padre LUIGI COSTA. Note biografiche

Padre Luigi Costa nasce a Bassano del Grappa (VI) il 27 luglio 1937 da Antonio Costa e Maria Cremona e sei giorni dopo è battezzato nella chiesa parrocchiale di Campese, diocesi di Padova. In seguito, la famiglia, oltre a lui un fratello e tre sorelle,emigrerà in cerca di lavoro ad Aosta trovandolo nelle acciaierie di Cogne. Nel 1949 padre Luigi  entra nel seminario minore dei Padri  Bianchi a Parella, Treviglio e di nuovo Parella per il ginnasio il liceo e i corsi di filosofia.

L’11 settembre 1960 va a Gap nel sud della Francia per il noviziato. Andrà in seguito a Heverlé, in Belgio, dal ‘61 al ‘64 per i corsi di teologia. Il 28 giugno 1964 pronuncia il giuramento nella congregazione dei Padri Bianchi e qualche mese dopo, il 5 settembre è ordinato diacono a Heverlé. Segue l’ordinazione sacerdotale ad Aosta il 26 giugno 1965.

I nove anni successivi lo vedono impegnato nell’animazione missionaria e vocazionale  in Italia, in diverse comunità: Treviglio (in seminario), Ciriè e Albiano.

Nel 1974 riceve la sua prima nomina per l’Africa, in Ruanda, e dopo aver imparato la lingua locale diventa curato a  Mushaka di Nyundo. Dieci anni più tardi diventerà parroco a Nyamiyaga, fino al 1989.

Dal 1989 al 1993  gli viene nuovamente chiesto di dare il suo contributo all’animazione missionaria in Italia, precisamente a Marano di Napoli e a Comiso in Sicilia. In quegli anni subisce un serio incidente; la caduta da un albero gli procura lesioni alle gambe e alla schiena che lo costringerà inseguito a rientrare regolarmente in Italia per le necessarie cure mediche. Alla fine del 1993 trascorre tre mesi a Gerusalemme. Riparte in Ruanda  nel 1994 a Nyagahanga dove è dapprima curato e poi parroco .

Dal 2006 lavora come amministratore al CML (Centro Missionario Lavigerie) a Kigali, la capitale del Ruanda. Nel 2013 rientra definitivamente in Italia e s’installa nella comunità di Castelfranco Veneto per l’animazione missionaria e come economo della casa, dove la morte lo sorprende la sera del 29 novembre 2018.

Older posts

© 2018 Missionari d'Africa

Theme by Anders NorenUp ↑