Tag: Lavigerie

Il 150° è una sfida e un nuovo inizio

Qualche settimana fa avevamo dato la notizia dell ‘apertura del 150° dei padri Bianchi, a Cedara in Sudafrica,  dove da qualche anno funziona un centro di formazione per i candidati dei Missionari d’Africa.  Se ne è parlato anche in un articolo apparso nel settimanale Southern Cross dove si è insistito su alcuni punti sottolineati dal celebrante principale, il vescovo padre bianco Jan De Groef, pastore della diocesi di Bethlehem ( in Sudafrica).

Errata corrige: il fondatore dei Missionari d’Africa è Charles Lavigerie (e non Levigerie) e la società missionaria è stata fondata in Algeria e non in Francia (paese di origine del Cardinale).

White Fathers Honour 150 years of Missionary Vision!

150° dei Padri Bianchi

Quest’anno i Missionari d’Africa celebrano una tappa importante della loro storia. Infatti il 18 ottobre del 1868 si apriva ad Algeri il primo noviziato della Società dei Missionari di Nostra Signora d’Africa. Una decina di aspiranti vengono affidati a padre Vincent, gesuita, coadiuvato da un padre sulpiziano. Le direttive del fondatore, il francese Charles  Lavigerie (1825-1892), arcivescovo di Algeri da poco più di un anno,  sono precise e rivelano già lo spirito che egli intende dare alla nascente istituzione: i futuri missionari devono ad ogni costo parlare l’arabo; adottare il vestito bianco della regione — di qui il nome di «Padri Bianchi» —, un copricapo rosso e un rosario al collo; avere frequenti contatti con la gente del posto; alternare lo studio e la preghiera al lavoro manuale.

Cardinale Lavigerie

Programma impegnativo, ma proprio per questo affascinante per la gioventù che è attratta da grandi ideali e si sente chiamata all’eroismo.

Padre Vincent riferisce così le istruzioni che Lavigerie gli aveva impartito personalmente: «Formate apostoli e seguite esattamente la direzione del noviziato della Compagnia; con questa sola differenza, che concederete più tempo agli studi rispetto al periodo del noviziato. Dei santi io voglio, dei santi! Gettateli bene nello stampo di Sant’Ignazio e siano nelle vostre mani come un corpo morto, che si lascia portare da tutte le parti e plasmare come si vuole, oppure come il bastone nella mano di un anziano, perché gli serva ovunque e per qualsiasi cosa”.

Lavigerie non intende creare una spiritualità originale: vuole formare degli apostoli e fa riferimento alle grandi linee dello spirito, eminentemente apostolico, di sant’lgnazio, memore anche del suo direttore, il gesuita padre de Ravignan.

Le prime Costituzioni, formulate da padre Vincent, verranno riviste, corrette, rifatte ripetutamente. Col concorso dei primi missionari saranno abbandonati alcuni aspetti più propri della vita religiosa per accentuare, invece, il carattere missionario della Società, corrispondente alla sua natura di «Istituto missionario di sacerdoti e fratelli [laici consacrati], viventi in comunità». La missione e la comunità saranno i due elementi fondamentali della famiglia apostolica di Lavigerie

Il 2 febbraio 1869, in una piccola cappella adiacente al Santuario della Madonna d’Africa, ha luogo la vestizione dei novizi. Ma del gruppo precedente solo quattro hanno perseverato e rivestono il caratteristico abito bianco.

© 2018 Missionari d'Africa

Theme by Anders NorenUp ↑