Tag: italia (page 1 of 3)

Padri Bianchi in festa a Treviglio

 

Sabato 2 giugno, la comunità dei Missionari d’Africa a Treviglio ha celebrato con gioia e semplicità gli anniversari di ordinazione sacerdotale di quattro confratelli. Padre Bruno Paganelli ha festeggiato il suo 50°, i padri Giuseppe Locati e Pierangelo Pirotta il 45°e padre Walter Gherri il 40°. Con loro abbiamo anche ricordato i padri Alberto Rovelli (50°) e il decano dei Padri Bianchi italiani, il veneto Nazareno Benacchio (70°) assenti perchè rispettivamente nella Repubblica Democratica del Congo  e in Brasile.

La celebrazione è iniziata alle 11 con l’Eucaristia. La liturgia, anticipata di un giorno, era quella dei Martiri d’Uganda.  Questi ventidue giovani mandati a morte dal loro re  sono particolarmente importanti e cari  per la nostra società in quanto furono proprio i padri bianchi che li convertirono al cattolicesimo verso la fine del secolo XIX.

I padri festeggiati hanno vissuto e lavorato in vari Paesi africani: Burundi, Malawi, Maurizio, Mozambico, Rd Congo e Tanzania. Ora fanno tutti parte della comunità di Treviglio.

La festa, a cui hanno partecipato una cinquantina di persone tra confratelli, parenti, amici, collaboratori e rappresentanti della chiesa locale, è poi continuata sotto il tendone allestito nel cortile interno della nostra casa.

I Padri Bianchi italiani sono 31 ( 4 in Africa), per la maggior parte residenti nele due comunità di Treviglio (BG) e di Castelfranco Veneto (TV) . L’età media si aggira sugli 80 anni.

 

 

Padre Mattedi 92 anni oggi, prega e digiuna per Congo e Sud Sudan

Bolzanino di nascita, torinese di adozione, dopo la formazione in Italia e Tunisia, padre Giuseppe Mattedi lavora al seminario minore di Treviglio e poi è inviato in Ruanda. Lì rimane 25 anni e, dopo un breve rientro in Italia, vi ritorna nel 1991. Nel 1994, anno del genocidio, è costretto a lasciare il Paese, ma va ad assistere i rifugiati in Tanzania e Burundi. Nel 1997 torna però in Ruanda dove rimane fino al 2006 quando rientra definitivamente in Italia.

Oggi, come richiesto dal Santo Padre Papa Francesco, aderisce alla giornata di preghiera e digiuno per la pace nella Repubblica Democratica del Congo e nel Sud Sudan.

Il viaggio di Mary-Parte seconda

Continuiamo il racconto di una donna nigeriana, trafficata da Benin City e costretta a prostituirsi sulle strade del Nord Italia

DA MADRID A TORINO

“In Spagna non conoscevo ancora quella madame magnaccia che mi aveva comperato. Noi in macchina viaggiavamo solo di notte partendo alle due del mattino. Sbarcati in Spagna, essendo io piccola di taglia, mi hanno messo nel cofano e siamo partiti per Madrid. Da Madrid, di notte, mi hanno messo ancora nel cofano, abbiamo attraversato Francia (come e passando da dove non si sa) per giungere finalmente a Torino in Italia. In viaggio occorre che tu dica sempre sì a chi ti dà gli ordini e allora per te non succede niente e tu passi dappertutto con documenti falsi. Se sgarri e disubbidisci, allora sei picchiata fortemente ed anche violentata fino a quando tu ti pieghi alla volontà di chi ti sta portando alla meta di destinazione. Se tu non collabori ti picchiano: pugni, schiaffi, calci, manate violente sul corpo”.

“A Torino eravamo arrivati sempre di notte, verso le 2. Nella casa dove alloggiavo c’erano già altre ragazze. È successo in diverse tappe del viaggio di trovare altre ragazze che ci hanno preceduto e che sono in attesa di proseguire il loro viaggio. È risaputo che se le ragazze sono belle e formose, possono essere trattenute per soddisfare le voglie degli abitanti del posto. Addirittura nel Mali i magnaccia hanno organizzato dei bordelli con delle ragazze nigeriane per avere il consenso delle autorità che chiudevano gli occhi su loro passaggio in cambio di favori sessuali. In queste case di transito ci sono ragazze che possono restare due settimane, ma anche sei mesi o addirittura un anno”.

Continue reading

Marcia della Pace a Treviglio

Treviglio, festa di Maria Madre di Dio

Si è svolta il primo gennaio la consueta marcia della pace nella città di Treviglio dove i Padri Bianchi sono presenti fin dagli anni cinquanta. Significativo il fatto che il corteo sia partito dal nostro cortile, sottolineando il fatto che furono proprio i Missionari d’Africa che lanciarono questa bella iniziativa più di quarant’anni fa. Se lo ricordano bene alcuni veterani che all’epoca erano degli adolescenti o poco più.

L’adesione è stata piuttosto ridotta (forse un centinaio di persone in tutto) e sono mancati all’appuntamento soprattutto i giovani, anche quelli appartenenti alle associazioni che in genere sono abbastanza ricettive a questo tipo di iniziativa. Senz’altro ci sarà da riflettere sul perché di questo fenomeno che del resto non è nuovo dato che da anni si denunciano apatia, indifferenza e rassegnazione senza però trovare una soluzione.

Marcia della Pace a Treviglio

In ogni caso gli “irriducibili” hanno sfidato il grigiore e l’umidità di una giornata invernale marciando per le vie di Treviglio con due soste: la prima all’oratorio San Zeno per ascoltare la bella testimonianza di don Renato Sacco coordinatore nazionale di Pax Christi Italia e la seconda presso il collegio dei Salesiani dove padre Pino Locati (Mafr) ha mostrato due brevi presentazioni. La prima ha illustrato la situazione degli sfollati della zona del Congo dove padre Pino ha lavorato e la seconda ha denunciato la tratta delle donne, soprattutto africane, sfruttate sulle strade del nostro territorio.

La marcia si è conclusa verso le 18 nella piazza antistante la basilica di Treviglio con il saluto alle autorità civili presenti, la consegna al sindaco e a un paio di assessori dei 20 punti di azione preparati dalla Sezione Migranti e Rifugiati del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale della Santa Sede e l’immancabile fetta di panettone e vin brulè preparata dagli ineffabili alpini.

Marcia della Pace a Treviglio

Marcia della Pace a Treviglio

Marcia nazionale per la pace

I Padri Bianchi in Italia, nell’augurarvi un felice 2018, vi segnalano la

50° MARCIA NAZIONALE PER LA PACE

Migranti e rifugiati, uomini e donne in cerca di pace

Domenica 31 dicembre 2017, la diocesi di Bergamo accoglie la Marcia della Pace nazionale, promossa da

  • Commissione Episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace
  • ​Pax Christi Italia
  • ​Caritas Italiana
  • Azione Cattolica Italiana

Quest’anno tra l’altro ricorre il cinquantesimo anniversario di questa marcia di fine anno, la cui prima edizione fu fatta proprio nella diocesi di Bergamo, a Sotto il Monte, paese natale del Santo Papa Giovanni XXIII. Ricorreva a quel tempo il quinto anniversario dell’Enciclica “Pacem in terris”, che era stata promulgata l’11 aprile 1962.

Si tratta di un dono che mi auguro raccolga non solo molte persone, ma diventi espressione di sentirsi popolo che abita le terre esistenziali dell’uomo fin nelle periferie della fragilità, diventi occasione di sostegno nell’impegno della vita cristiana, alla luce della testimonianza e della santità dell’indimenticato Pontefice, che torna oggi a consegnarci la responsabilità della pace nella società e dell’ecumenismo nella Chiesa, diventi momento per rivivere la pentecoste dello spirito del Concilio Vaticano II”.
(Vescovo di Bergamo S.E. Mons. Francesco Beschi)

Per tutte le informazioni: www.diocesibg.it

Anche a Treviglio, dove abbiamo una delle due comunità presenti sul suolo nazionale, saremo presenti per la marcia cittadina che avrà luogo il 1° gennaio. Vedi locandina sotto per le informazioni.

(Padre Claudio Zuccala)

Older posts

© 2018 Missionari d'Africa

Theme by Anders NorenUp ↑