Tag: Padri Bianchi

Aspettando la Pasqua a Kinshasa

Padre Alberto Rovelli è a Kinshasa, la capitale della R.D.Congo, da qualche settimana.  Avrebbe voluto mandare questo suo contributo prima della Quaresima ma , come scrive testualmente, “siamo (senza internet) da due settimane a causa di un fulmine che ci ha messo fuori gioco il modem … tra il tempo di scoprire il danno e il tempo di trovare un altro modem ci sono voluti quindici giorni!” 

 

Padre Alberto a Bukavu alcuni giorni prima della sua partenza per Kinshasa

Dal 14 gennaio mi trovo a Kinshasa nel Centro di formazione per aspiranti missionari d’Africa: ci sono 33 giovani pieni di entusiasmo, basta vederli sul campo di calcio o quando innaffiano l’orto.

I miei confratelli, affidandomi l’incarico di coordinare il lavoro manuale, mi hanno fatto un bel regalo: senza voler strafare cerco di tenere l’orto pulito dalle erbacce e soprattutto dai rifiuti plastici; cerco di comunicare ai giovani questa attenzione ecologica spiegando che se non ci difendiamo da questi rifiuti li avremo come veleni nel piatto.

La mia giornata è suddivisa così: al mattino presto sono in cappella con i confratelli e i giovani; dopo colazione i  giovani sono all’Università; io vado nell’orto fino a mezzogiorno e certi giorni si suda! Sono felice di dare una mano per rinnovare la piantagione di manioca, a pulire le gabbie dei conigli o riempire le concimaie con rifiuti organici e erbe di ogni tipo. Dopo pranzo, e dopo la siesta sono in ufficio.

Oggi abbiamo iniziato la quaresima e mi sono chiesto: “Che tipo di Quaresima sarà la mia quest’anno? La croce, tracciata sulla  mia fronte con l’imposizione delle ceneri, mi invita a non barare con la vita,  con gli impegni di ogni giorno, soprattutto a non abbassare il livello di guardia, a non dare ascolto allo scoraggiamento di fronte alle lentezze nel processo di pace per il Congo e per altre guerre ma ad essere un piccolo segno di speranza, perché la croce è solo una  tappa, obbligatoria, che ci prepara a vivere con Gesù la sua vittoria di Pasqua.

L’altro giorno ho ricevuto un incoraggiamento dai seminaristi. In comunità ci siamo chiesti cosa vogliamo togliere alla nostra mensa per fare della Quaresima una piccola condivisione con i più poveri. Abbiamo un menu semplice, però buono: un piatto unico che fa da primo e da secondo e di tanto in tanto un frutto, eppure siamo riusciti a togliere dalla nostra tavola il valore di quasi 500 euro.

Non è molto, non risolveremo il problema della fame, ma questi giovani erano felici di privarsi di qualche cosa.

I giovani esperimentano un’allegria profonda  quando fanno scelte belle, condivise dal Signore; questo è un anticipo piccolo e non ancora definitivo, della gioia di Pasqua: la vittoria di Gesù sul male e la morte.

Con questo auguro a tutti buona  Quaresima per fare buona Pasqua e risorgere con Gesù. Vi auguro di incontrarlo nei sacramenti e nella comunità  cristiana dove viviamo. Avremo la conferma che vivere una vita buona, sobria, attenta agli altri più che a noi stessi è un’ottima alternativa al vivere sempre in ansia per non riuscire a consumare/possedere le ultime novità dei centri commerciali.

Tantissimi auguri. Alberto

Quattro Padri Bianchi tra i 19 nuovi beati martiri d’Algeria

ll Santo Padre ha autorizzato la pubblicazione del decreto che riconosce il martirio del Vescovo di Oran, Pierre Claverie, e di 18 compagni, sacerdoti e religiosi morti negli anni 1994-96 in Algeria.

Oltre al Vescovo Claverie ci sono quattro Padri Bianchi:  Jean Chevillard, Jean Dieulangard, Charles Deckers , Christian Chessel e altri quattordici religiosi/e.

I quattro Padri Bianchi vennero trucidati a Tizi Ouzou il 27 dicembre del 1994, un anno e mezzo circa  prima dei sette monaci trappisti di Tibhirine la cui vicenda è stata immortalata nel film Uomini di Dio del 2010.

Il più giovane dei nuovi beati, il padre bianco francese Christian Chessel, aveva solo 36 anni ed era stato mio compagno di studi a Roma agli inizi degli anni ’90.

Claudio Zuccala

150° dei Padri Bianchi

Quest’anno i Missionari d’Africa celebrano una tappa importante della loro storia. Infatti il 18 ottobre del 1868 si apriva ad Algeri il primo noviziato della Società dei Missionari di Nostra Signora d’Africa. Una decina di aspiranti vengono affidati a padre Vincent, gesuita, coadiuvato da un padre sulpiziano. Le direttive del fondatore, il francese Charles  Lavigerie (1825-1892), arcivescovo di Algeri da poco più di un anno,  sono precise e rivelano già lo spirito che egli intende dare alla nascente istituzione: i futuri missionari devono ad ogni costo parlare l’arabo; adottare il vestito bianco della regione — di qui il nome di «Padri Bianchi» —, un copricapo rosso e un rosario al collo; avere frequenti contatti con la gente del posto; alternare lo studio e la preghiera al lavoro manuale.

Cardinale Lavigerie

Programma impegnativo, ma proprio per questo affascinante per la gioventù che è attratta da grandi ideali e si sente chiamata all’eroismo.

Padre Vincent riferisce così le istruzioni che Lavigerie gli aveva impartito personalmente: «Formate apostoli e seguite esattamente la direzione del noviziato della Compagnia; con questa sola differenza, che concederete più tempo agli studi rispetto al periodo del noviziato. Dei santi io voglio, dei santi! Gettateli bene nello stampo di Sant’Ignazio e siano nelle vostre mani come un corpo morto, che si lascia portare da tutte le parti e plasmare come si vuole, oppure come il bastone nella mano di un anziano, perché gli serva ovunque e per qualsiasi cosa”.

Lavigerie non intende creare una spiritualità originale: vuole formare degli apostoli e fa riferimento alle grandi linee dello spirito, eminentemente apostolico, di sant’lgnazio, memore anche del suo direttore, il gesuita padre de Ravignan.

Le prime Costituzioni, formulate da padre Vincent, verranno riviste, corrette, rifatte ripetutamente. Col concorso dei primi missionari saranno abbandonati alcuni aspetti più propri della vita religiosa per accentuare, invece, il carattere missionario della Società, corrispondente alla sua natura di «Istituto missionario di sacerdoti e fratelli [laici consacrati], viventi in comunità». La missione e la comunità saranno i due elementi fondamentali della famiglia apostolica di Lavigerie

Il 2 febbraio 1869, in una piccola cappella adiacente al Santuario della Madonna d’Africa, ha luogo la vestizione dei novizi. Ma del gruppo precedente solo quattro hanno perseverato e rivestono il caratteristico abito bianco.

© 2018 Missionari d'Africa

Theme by Anders NorenUp ↑