La città Goma ospita enormi accampamenti nei quali sopravvivono a stento circa 150mila sfollati. Anche se i numeri non sono più quelli del 1994 (900mila rifugiati rwandesi), la situazione rimane particolarmente scandalosa.

Dopo più di 15 anni, né il governo congolese né la missione delle Nazioni Unite sono riusciti (o hanno voluto riuscire…) a instaurare nel Nord Kivu uno stato di diritto. Nella regione spadroneggia una cinquantina di gruppi armati in lotta per il controllo delle ricchezze minerarie (oro, cassiterite, wolframio e coltan), estratte abusivamente e veicolate di contrabbando nei Paesi vicini, Rwanda in primis.

A differenza del 1994, anno del genocidio, oggi i riflettori sono spenti e quasi nessuno si occupa di queste persone, il cui unico torto è stato di nascere in un territorio troppo ricco di materie prime. I Padri Bianchi lanciano un progetto per aiutare padre Pino Locati alla loro assistenza.

Progetto n° 7-2015 Repubblica Democratica del CongoSoccorso agli orfani
Referente: padre Pino Locati

MODALITA’ PER SOSTENERE IL PROGETTO




Conto Corrente Postale: n.: 9754036
Bonifico Bancario: IBAN IT 73 H088 9953 6420 0000 0172 789 – SWIFT/BIC: ICRAITRRTR0 (zero finale)
Cassa Rurale Credito Cooperativo di Treviglio (BG)
Assegno: intestato a Amici dei Padri Bianchi – Onlus